Imparare a suonare uno strumento musicale

Non è mai troppo tardi per avvicinarsi allo studio della musica

Credo che molti di voi abbiano spesso desiderato imparare a suonare uno strumento. Purtroppo quando eravamo giovani noi, parlo degli over 65, non c’era l’attenzione che vi è oggi per la musica e, a scuola, tutto ciò che generalmente si faceva era un’ora di canto alla settimana. Perciò, se non vi era una passione particolare dei nostri genitori, si cresceva senza nozioni di musica. Oggi per fortuna tutto è cambiato. Recenti studi hanno dimostrato che la musica influenza lo sviluppo fisico, emotivo e intellettuale di neonati e bambini e rafforza lo sviluppo cognitivo e sensoriale. Il mio nipotino di quattro anni va a scuola di musica, segue il metodo Suzuki conosciuto in tutto il mondo, e ne è entusiasta. Guai a saltare una lezione!

Non è mai troppo tardi

Già 2500 anni fa Confucio scriveva: La musica produce un tipo di piacere di cui la natura umana non può fare a meno. Il piacere di ascoltare la musica raddoppia in chi sa suonare uno strumento. Ma al di là del piacere,  numerose ricerche scientifiche negli ultimi 10 anni hanno dimostrato che imparare a suonare uno strumento in un’età non più verde, migliora la qualità della vita.

L’aspetto affascinante del far musica è il numero di attività di cui il cervello si avvale per suonare uno strumento musicale. Spesso vi è uno spartito davanti a noi, di cui dobbiamo “scannerizzare” visivamente le informazioni, in modo che il cervello le traduca in segnali inviati alle mani, alle braccia ed alle dita e, per gli strumenti a fiato, al sistema respiratorio. Quindi controlliamo costantemente i segnali sonori che vengono prodotti, e, nell’arco di millisecondi, utilizziamo questo feedback per calibrare il processo per suonare la prossima nota, quella successiva e così via. Le abilità cognitive che si utilizzano (scansione visuale, controllo motorio, attenzione suddivisa) pongono in uso molte aree diverse del cervello simultaneamente: ecco perché suonare uno strumento musicale è un allenamento cerebrale fantastico.

Perché imparare a suonare uno strumento

Il nostro cervello è plastico, cioè a qualsiasi età è in grado di apprendere cose nuove. E imparare a suonare uno strumento è un forte stimolo sia psicologico (soddisfazione nell’aver raggiunto un obiettivo e acquisito nuove abilità), sia sociale (farsi nuovi amici, condividere qualcosa con gli altri); sia neurologico per le molte abilità cognitive che mette in moto.

Il neuroscienziato Gavin Bidelman riassume il rapporto tra formazione musicale e declino  legato all’età così:
“Le attività musicali sono una forma avvincente di allenamento cognitivo del cervello e ora stiamo assistendo a prove concrete di plasticità cerebrale derivante dall’allenamento musicale non solo nei cervelli più giovani, ma anche nei cervelli più anziani.”

Migliora la memoria

Nella maggior parte dei casi, le persone tendono a perdere la memoria quando invecchiano. Quando si suona uno strumento musicale, vengono utilizzati entrambi i lati del cervello e il volume della materia grigia aumenta. Una persona che suona uno strumento musicale ha una migliore funzione cognitiva: migliorano le capacità di alfabetizzazione, la  memoria verbale e il ragionamento spaziale.

Riduce ansia e depressione

Suonare uno strumento è un ottimo modo per distogliere la mente da tutto e concentrarsi profondamente su qualcos’altro. Quando si impara a suonare noi siamo concentratissimi su ciò che stiamo facendo e non c’è spazio per altre emozioni. Staccare la mente da tutto è davvero efficace per ridurre l’ansia per cose che a volte non possiamo controllare. Inoltre la soddisfazione di riuscire a imparare cose nuove, aumenta la nostra autostima e riduce la depressione.

Implementa le competenze linguistiche e vocali

Suonare uno strumento musicale ha anche eccellenti benefici cognitivi e verbali. Uno studio del 2014, condotto da ricercatori psicologi dell’università di Liverpool, dimostra che suonare uno strumento attiva gli stessi percorsi cerebrali che attivano le parole e il linguaggio. Scientificamente, questo significa che anche una breve sessione di allenamento musicale aumenta il flusso sanguigno nell’emisfero sinistro del cervello. Pertanto, l’allenamento musicale si traduce in un “rapido cambiamento” nei meccanismi cognitivi utilizzati per la percezione musicale, che sono gli stessi meccanismi utilizzati per il linguaggio. Intuitivamente, anche questo ha molto senso. Se riesci ad esprimerti suonando uno strumento musicale, questo ti aiuta ad esprimerti attraverso il linguaggio e la parola e a mantenere attiva quest’area del tuo cervello.

Utile nella riabilitazione neurologica

La plasticità cerebrale (o neuroplasticità) è la capacità del cervello di formare nuove connessioni o ricablare se stesso. Senza questa capacità, il cervello non sarebbe in grado di riprendersi da un infortunio, ad esempio un ictus. Uno studio del 2013 ha scoperto che i musicisti avevano più materia grigia rispetto ai non musicisti. Uno studio- del 2017 condotto presso il Baycrest Health Sciences di Toronto e pubblicato sul Journal of Neuroscience – ha scoperto che imparare a suonare uno strumento musicale altera le onde cerebrali in un modo che migliora le capacità di ascolto e udito di una persona in un breve lasso di tempo. Questo cambiamento nell’attività cerebrale dimostra la capacità del cervello di ricollegarsi e compensare lesioni o malattie che possono ostacolare la capacità di una persona di svolgere compiti.

Migliora la capacità di multi-task

Quando siamo molto stressati tendiamo a perdere la concentrazione e diventa più difficile eseguire  diverse attività in contemporanea, come facevamo quando eravamo più giovani.
Tuttavia, è stato dimostrato che l’apprendimento di uno strumento musicale aiuta a elaborare le informazioni multi sensoriali e ad affrontare meglio le situazioni quando accadono contemporaneamente. Imparare a suonare aumenta la capacità generale di concentrarsi anche su altri aspetti non  legati alla musica. Lo studio della chitarra, per esempio, è ottimo per migliorare la capacità multitasking. Infatti, in contemporanea si deve leggere lo spartito per chitarra, creare la giusta forma di accordo con le mani, concentrarsi a suonare le note con precisione, leggere in anticipo le note che verranno e tenere il tempo.

Come scegliere uno strumento

Forse abbiamo desiderato tutta la vita suonare il violino o il pianoforte o la tromba. In questo caso la scelta è facile. Dedichiamoci alla realizzazione del nostro sogno.

Se invece non sappiamo bene cosa scegliere, potremmo farlo in base ad alcuni criteri molto diversi tra loro:

  • In funzione  del tipo di musica che ci piace ascoltare, sceglieremo lo strumento più adatto per suonarla.
  • In funzione dello spazio che abbiamo in casa. Non tutti abbiamo lo spazio per un pianoforte! Inoltre se ci spostiamo spesso non sarà facile allenarsi ovunque si vada. Una soluzione potrebbe essere un piccolo strumento come l’armonica a bocca: piccolino, si può tenere nel taschino della giacca e portarlo dovunque. E, una volta che si è imparato a suonarlo, può essere molto piacevole tirarlo fuori al momento giusto e suonare per gli amici o i nipotini.
  • In funzione dei corsi che vuoi seguire. Magari vicino a casa c’è una scuola di chitarra, piuttosto che di pianoforte. Può essere comodo fare un corso proprio dietro l’angolo.

Il pianoforte

Il piano è uno degli strumenti musicali più popolari che le persone spesso cercano di padroneggiare. È molto versatile e ti consente di suonare canzoni in una vasta gamma di stili. Questo strumento aiuterà il tuo coordinamento, poiché spesso dovrai suonare melodie diverse con ogni mano. Ma non preoccuparti: ricorda, se riesci a digitare sulla tastiera di un computer, sei già a metà strada!

Data la popolarità del piano, ci sono sicuramente alcuni insegnanti nella tua zona. Tuttavia, se non hai il tempo o il budget per prenotare lezioni individuali, non disperare. Internet è una risorsa meravigliosa per lezioni video, tutorial e spartiti. Molti dei grandi artisti sono autodidatti, come Prince e David Bowie. Se vuoi, non hai nemmeno bisogno di leggere gli spartiti: molti tutorial di YouTube possono insegnarti le canzoni a vista, mostrando quali tasti premere e in quale ordine.

Oltre ai benefici per la salute di cui abbiamo già discusso, imparare a suonare il piano amplierà anche le tue conoscenze culturali mentre scopri nuovi brani musicali da suonare.

Uno degli inconvenienti del pianoforte è il suo costo: un modello verticale, molto di base, può costare  attrono ai 2000 euro. Naturalmente, oggigiorno, è possibile anche optare per soluzioni temporanee diverse: ad esempio un pianoforte elettrico — ne esistono di tutti i tipi e la tecnologia moderna li ha resi davvero all’altezza della loro funzione- costa attorno ai 400 euro. Se avete un budget limitato, o semplicemente prima di investire tanti soldi, volete essere sicuri che il pianoforte vi piace davvero, è possibile acquistare una tastiera digitale per un minimo di 50 euro. Oppure, in alternativa, cercate uno strumento usato.

La chitarra

La chitarra è spesso considerata lo strumento musicale più “cool” da imparare. Ci sono anche molte opzioni disponibili: dall’elettrico all’acustico, dal classico al basso, offrono suoni e stili diversi.
La maggior parte delle persone è in grado di padroneggiare rapidamente accordi e scale di base. Continuando a studiare, si riuscirà a padroneggiare veramente questo strumento. Alla fine, anche tu sarai in grado di riprodurre un’intera gamma di brani. Esistono numerosi siti web come Ultimate Guitar dove trovare le schede (una popolare alternativa agli spartiti tradizionali) per tutti i tuoi brani preferiti.

Suonare la chitarra, potrebbe migliorare anche la tua vita sociale. Potrebbero sorgere opportunità per far parte di una band o per suonare in bar e pub locali. In un tempo relativamente breve, potrai suonare piccoli concerti per i tuoi cari. Inoltre, la chitarra aumenterà la tua capacità di attenzione e raffinerà la tua memoria.

Spesso quando si cominciano a prendere lezioni di chitarra, gli insegnanti raccomandano di cominciare con una chitarra classica, poiché è quella che dà le basi migliori per la pratica dello strumento. In effetti, il manico delle chitarre classiche è più facile da maneggiare. E poi, per un principiante è più facile pizzicare le corde in nylon che quelle di acciaio delle chitarre elettriche. Il prezzo di una chitarra classica può variare da 50 euro sino a qualche migliaio di euro. Per iniziare puoi trovare un buon modello attorno ai 200 euro.

La batteria

Se stai cercando di scatenare la tua anima rock la batteria è perfetta. Ma è consigliabile iniziare con un insegnante esperto. Possono essere necessari alcuni mesi di pratica alla batteria per essere in grado di produrre ritmi solidi e costanti. L’unico vero svantaggio della batteria è il costo di acquisto e lo spazio che occupa lo strumento. I drum kit elettronici possono essere leggermente più compatti e convenienti, inoltre ti danno la possibilità di collegare le cuffie per evitare di irritare i vicini! E possono costare attorno ai 400-500 euro.

Altri strumenti musicali

Qualsiasi strumento musicale ti piaccia, devi prenderlo in considerazione. Dopo averlo scelto puoi  rivolgerti auna scuola di musica e andare a fare qualche lezione di prova. In alternativa puoi  recarti nel negozio di musica più vicino, dove quasi sempre ti faranno provare lo strumento e ti consiglieranno un maestro al quale rivolgerti.

Come imparare

Le grandi città offrono corsi per qualsiasi strumento musicale. Spesso ci sono corsi studiati apposta per gli anziani. Ma su internet si trovano ottimi corsi, lezioni video, tutorial e spartiti.

Dipende solo dalle tue possibilità economiche e dal tuo desiderio o meno di uscire di casa. Sicuramente un corso con un maestro sarà più efficace e ti stimolerà ad applicarti, soprattutto agli inizi quando le difficoltà possono scoraggiare.

A Milano la Scuola Milano Musica offre corsi specifici per anziani di pianoforte, di chitarra e di altri strumenti strutturati per garantire la possibilità di suonare divertendosi già dalle prime lezioni.

Se siete appassionati di chitarra potete fare riferimento alla Scuola di Reggio Emilia, che offre corsi di chitarra a distanza.

Su internet si possono trovare anche Corsi di armonica.

Partecipa a un concorso fotografico
Un giro in bici per stare bene

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e unisciti alla nostra community!