Smettila di essere pessimista

Se vedi sempre tutto nero, è ora di cambiare. L’ottimismo si può imparare

Numerose ricerche hanno dimostrato che chi pensa positivo e sorride alla vita ha un’aspettativa di vita sana superiore ai pessimisti e un minor decadimento mentale. Due buone ragioni per darsi da fare e cambiare il nostro modo di pensare.
Sì, perché è dimostrato che si può imparare a essere ottimisti.

Ottimisti non si nasce, ma lo si può diventare imparando a guardare alla vita in modo da trarre il massimo vantaggio dalle lezioni dell’esperienza, dalle proprie capacità e dalle opportunità. Gli ottimisti hanno più successo non perché sono più fortunati, ma perché scelgono di vedere la realtà in un modo diverso.

Fattori che determinano l’ottimismo

L’ottimismo dipende per il 50% da fattori genetici. Cioè ottimisti o pessimisti si nasce, si è più predisposti a vedere le cose in un certo modo piuttosto che in un altro. Per un 10% dipende dalle circostanze; il 40% dipende dalle scelte che uno compie.

Strategie per diventare ottimisti

  1. Guarda alla vita con occhi nuovi. Smetti di pensare che quello che ti accade di bello sia frutto del caso e quello che non funziona  sia dovuto alla tua incapacità. Smetti di pensare che sei senza valore, privo di talento. Il risultato sarà solo un crollo della tua autostima.
  2. Trova il lato positivo. Ogni giorno sforzati di ragionare su un aspetto della tua vita, su una contrarietà o su una situazione negativa e cerca di trovare un lato positivo. Non è tanto ciò che ti accade a fare la differenza, ma il modo in cui lo percepisci.
  3. Non tutto è bianco o nero. Il pessimista non ha quasi mai mezze misure. Impara ad analizzare le situazioni e a cogliere le varie sfumature di grigio. Resterai sorpreso da quanti possibili risvolti abbia la stessa situazione.
  4. Non rimuginare. Smetti di pensare e ripensare alle cose che non sono andate secondo i tuoi desideri. Non serve se non a farti del male. Il passato non si può cambiare. Quando iniziano i pensieri negativi, dai un forte “stop” alla tua mente. Pensa immediatamente a una cosa positiva che farai a breve e dirotta su quella i tuoi pensieri.
  5. Non fare confronti. Evita di valutare sempre cosa hanno gli altri e cosa tu non hai. La vita è lunga e ciascuno si trova a confrontarsi con situazioni positive e negative nell’arco della vita. Oggi si può essere molto felici e svegliarsi domani mattina disperati perché ci è capitata qualche disgrazia.
  6. Coltiva le amicizie. Ricordati dei tuoi amici, chiamali senza aspettare che siano loro a farlo, invitali, condividi momenti sociali, scambia le tue esperienze. La solitudine è nemica dell’ottimismo. L’amicizia è sempre importante, ma a una certa età diventa ancora più preziosa.
  7. Sii grato. Dedica tutti i giorni due minuti per ricordarti alcune cose per cui provare gratitudine e segnatele su un diario. Avere una bella famiglia o un compagno affettuoso; avere figli in salute; avere un buon lavoro e amici che ci sostengono e così via. Ti renderai conto di quanto sei fortunato.
  8. Aiuta gli altri. Essere generosi, aiutare chi non conosciamo con piccoli gesti, fare volontariato presso qualche associazione sono tutti modi per imparare l’ottimismo. Fare del bene rende felici e rafforza gli atteggiamenti positivi.
  9. Dedicati alle attività che ti piacciono. Riserva una parte della tua giornata alle cose che ti piace fare: cucinare, leggere, telefonare a un’amica, vedere una fiction che ti piace, ecc. Questo spazio privato ti rilasserà e ti renderà più serena, bilanciando altri momenti della giornata negativi.
  10. Non cercare di predire il futuro. E’ vero che a una certa età il futuro è pieno di incognite soprattutto per gli aspetti relativi alla salute, ma hai due alternative: stare seduto ad aspettare che le disgrazie arrivino o alzarsi e combattere per avere la tua parte di felicità e serenità.
  11. Poniti degli obiettivi. Gli ottimisti si caratterizzano per avere capacità di concentrazione, obiettivi chiari e definiti, un profondo coinvolgimento e una percezione del controllo delle situazioni. Impara anche tu a porti degli obiettivi, piccoli o grandi non importa, e a perseguirli con tenacia.
  12. Impara a perdonare. Ci sono alcuni eventi negativi provocati da altri, anche con cattiveria, che ci hanno fatto molto male. Inutile continuare a ripensarci. Una parte della nostra mente è bloccata su quei pensieri. Perdoniamo e dimentichiamo, ne trarremo un sollievo immediato e avremo nuove energie per affrontare il resto della vita.
  13. Dormi abbastanza. Cerca di riposare bene di notte. I pessimisti hanno lunghi periodi di insonnia, che si autoalimentano con i pensieri negativi che li assalgono quando vanno a dormire. E di giorno la stanchezza non aiuta a vedere con leggerezza e obiettività i problemi.
  14. Prenditi cura del tuo corpo. Lasciarsi andare, non avere cura del nostro aspetto, ingrassare, e alla fine vedersi brutti è un ulteriore motivo per sentirsi pessimisti. E questo comportamento sì che è colpa nostra! Riprendete in mano la vostra vita. Se siamo fuori forma , è ora di porre rimedio.
  15. Impara dal tuo partner. Se hai la fortuna di vivere con un ottimista, fatti aiutare a diventare anche tu meno pessimista. Chiedigli di aiutarti a vedere le situazioni in modo meno negativo e a distoglierti dai momenti bui.
  16. Ogni giorno allena il tuo ottimismo. Prima di dormire ricorda il passato, le cose belle che hai realizzato e gli obiettivi raggiunti; apprezza il presente: le cose belle successe durante la giornata; pensa al futuro: alle cose che vuoi realizzare da qui a tre anni e poniti degli obiettivi.
Ho preso la mia pillola?
Una lunga vita è lastricata di ottimismo

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e unisciti alla nostra community!